17/10/2019

Lo stile industriale: arredare una casa di tendenza

Lo stile industriale: arredare una casa di tendenza

Lo stile industriale trae ispirazione dall'atmosfera delle fabbriche: materiali grezzi, mobili robusti, viti a vista e colori neutri

Lo stile industriale, o industrial se lo lasciamo alle sue origini americane, nasce proprio a New York negli anni ’50. Nel dopo guerra c’era bisogno di trovare nuove abitazioni a basso costo e quindi si è iniziato a riutilizzare spazi dimessi: fabbriche,  uffici, centri direzionali, ecc.

Ed ecco che, sulla costa est degli Stati Uniti, nasce un nuovo stile!

Il trend ci ha messo un po’ di anni ad arrivare in Europa, approdando in città molto alternative come Londra e Berlino negli anni ’80. Un simbolo dello stile industriale di fama mondiale è la famosa Factory, studio di Andy Warhol durante gli anni dell’affermarsi della “suapop art.

Legno, metallo, cuoio: l'essenza dello stile industriale

Il trio vincente dello stile: il legno grezzo, il metallo spazzolato e il cuoio. Li ritroviamo nei mobili industriali e negli accessori d'arredo: dal tavolino da salotto industriale alla lampada in sospensione passando per le poltrone e le decorazioni da parete. Per arredare una casa in questo stile bisogna dedicare tanto tempo alla ricerca di pezzi unici e particolari, a volte per trovarli bisogna andare a cercare in negozi di antiquariato o vecchie fabbriche. Per tutti gli appassionati di mercatini sicuramente è uno stile adatto ma anche per chi, per esempio, ama un genere poco lavorato e vissuto, ma in modo molto chic!

La cosa che più detta lo stile industriale è lo scheletro esposto dell’infrastruttura della casa. Questo vuol dire spazi ampi, mattoni, tubature e travi a vista, soffitti molto alti, muri grezzi. In base al tipo di casa che avete, pensate a queste scelte strutturali se dovete fare dei lavori e desiderate la vostra casa in stile industriale.

L’illuminazione in stile industriale

Di estrema importanza è l'illuminazione. I punti luce in perfetto stile industriale sono realizzati in metallo e valorizzati da accenti in vetro opaco. La luce ampia e diffusa diventa la grande protagonista. Le lampade in stile industriale saranno parte integrante dell'arredamento, specie nelle colorazioni fredde del bianco, dell'avorio, del ghiaccio e dell'argento. Via libera a forme geometriche e decise, che valorizzeranno al massimo la zona nella quale sono inseriti.

Per soffitti semplici ed essenziali si andranno ad installare lampadari a sospensione in serie, capaci di dare carattere. Ma solitamente le abitazioni in stile industriale si caratterizzano anche per ambienti open space o per soffitti molto alti. Ne consegue che le sole lampade a sospensione potrebbero non bastare. Per gli angoli più bui, è bene optare per faretti orientabili in grado di puntare il fascio luminoso ove occorre, oppure per lampade da parete che uniscono forme rigorosamente geometriche alla bellezza materica del cemento.

Negli angoli dedicati alla lettura o al relax risulteranno ottime lampade da terra dalle linee sobrie ed essenziale, ma curate in ogni minimo dettaglio.

I dettagli che fanno la differenza

Come abbiamo visto, le case industriali hanno spazi molto ampi, i muri sono grezzi e spogli, i soffitti alti e finestre e porte tendono ad essere di metallo. I dettagli fanno molto, quindi è importante andare a scegliere gli arredi con attenzione. Lo stile industriale può sembrare a volta un po’ a caso, un mix di materiali e cose ma in realtà sono studiate nella loro diversità. Un vecchio banco da lavoro come tavolo da pranzo, 8 sedie tutte diverse, un divano in pelle vissuta, mobiletti industriali che ricordano le fabbriche, insegne di metallo, luci asimmetrice di dimensioni diverse, oggetti vintage. Le possibilità sono infinite ed è uno stile molto personale proprio perché la ricerca dei vari pezzi di arredamento è molto specifica.

Condividi

Tags

Ultimi articoli